venerdì 6 luglio 2007

GERMANIA. COMING OUT PER LA MINISTRA CONSERVATRICE



«ECCO LA PERSONA che amo», la ministra per la cultura e vicepremier dell’Assia ha voluto rivelare la sua vita privata agli elettori. Ma anche nella disinibita Germania ha provocato una certa sorpresa. Perché il partner, capelli corti e biondi, è a sua volta una donna, e perché Frau Karin Wolff è a livello regionale il numero due nella Cdu, il partito cristianodemocratico. Per il coming out ha scelto l’occasione più adatta ai pettegolezzi: la tradizionale festa d’inizio estate della Bild Zeitung, il popolare giornale tedesco, 4,5 milioni di lettori.

Lo hanno saputo tutti e subito, ed è quanto desiderava Frau Karin, 48 anni (a destra con la compagna nella foto Bild). La persona amata è Marina Fuhrmann, una Heilprakterin, qualcosa più di una guaritrice, come sarebbe in Italia. La pratica della medicina alternativa è riconosciuta dalla mutua in Germania, e la signora Fuhrmann esercita regolarmente a Wiesbaden, la cittadina capitale dell’Assia, a pochi chilometri da Francoforte. «Ci siamo conosciute due anni fa — ha raccontato la ministra — mi sono recata da Marina per farmi curare un forte male alla schiena. Le sue mani sono effettivamente straordinarie». L’amica è presidentessa della federazione degli osteopati.



IL DOLORE scomparve e le due donne continuarono a frequentarsi. «Non è stato amore a prima vista, ma lentamente la simpatia reciproca si è trasformata in un sentimento più profondo, e dall’inizio dell’anno siamo una coppia — continua Frau Wolff — ma abbiamo voluto tenere segreta la nostra relazione».

Per paura dell’opinione pubblica? «No — assicura la leader della Cdu — solo perché volevamo essere sicure del nostro rapporto. Non è cosí per tutti?» Al contrario che negli Stati Uniti, in Germania la vita privata dei politici non interessa agli elettori. Anche il sindaco di Berlino, il socialdemocratico Klaus Wowereit, appare sempre a fianco del suo fedele partner, ma la metropoli prussiana è considerata la capitale omosessuale d’Europa. E’ invece la prima volta che un rapporto omosessuale viene rivelato da parte di un politico conservatore.

“Senza rosa né celeste". Diario di una madre sulla transessualità della figlia”: di Mariella Fanfarillo, prefato da Cirinnà.

«Ho imparato a mie spese la differenza tra vedere e guardare: ora so che da sempre io vedevo mio figlio ma guardavo mia figlia».  È da...