giovedì 31 dicembre 2015

Con tutto il cuore, vi auguro un nuovo anno migliore!

Con tutto il cuore, vi auguro un nuovo anno migliore!
🎉🎉🎉❄Auguri a chi cammina a testa alta.
Auguri ai coraggiosi che hanno gridato “ti amo” a chi non lo meritava.
Auguri a chi ha sofferto per amore.
Auguri a chi ha combattuto i sentimenti, per proteggersi.
Auguri a chi non si arrende, a chi ancora crede nel bene.
Auguri a chi mantiene le promesse.
Auguri a chi piange di nascosto e sorride in pubblico.
Auguri a chi ride col cuore spento, a chi ha un tormento, ma nonostante questo ha sempre un sorriso sul volto.
Auguri alle amicizie sincere, agli amori veri, a chi ha dimostrato il bene, a chi si è preso una rivincita.
Auguri a chi ha chiesto scusa, a chi è tornato per farsi perdonare.
Auguri a chi ha capito che non bisogna dipendere da un'altra persona per essere felici.
Auguri a chi non ha mai fatto nulla per distruggere il cuore di qualcuno.
Auguri a voi.
BUON 2016 A TUTTI.❄❄
🎉🎉🎉
Buon Anno
Happy New Year
明けましておめでとうございます
新年快乐
새해 복 많이 받으세요
Bonne Année
Feliz Ano Novo
Feliz Año Nuevo
Glückliches Neues Jahr
🎉🎉🎉

martedì 29 dicembre 2015

ROBERT SPITZER, lo psichiatra che ha contribuito a rimuovere l'omosessualità dall'elenco delle patologie, è morto il Venerdì(25) a Seattle, all'età di 83

Dr. Robert Spitzer, il psichiatra che ha contribuito a rimuovere l'omosessualità dall'elenco delle patologie, è morto il Venerdì a Seattle, all'età di 83, riferisce l'Associated Press.


Gli attivisti per i diritti dei gay gli attribuiscono il merito di aver rimosso l'omosessualità dalla lista delle patologie. Era il 1973 e come curatore del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders Spitzer decise che era arrivato il momento di espungere l'omosessualità dal novero dei "disordini" mentali. "Se uno è a suo agio con le sue inclinazioni mentali nopn si può definire un malato", diceva Spitzer, La notizia della morte è stata comunicata dalla moglie Janet Williams, a sua volta professore emerito alla Columbia University. La morte è avvenuta il giorno di Natale a Seattle, dove la coppia si era di recente trasferita dal New Jersey.

Data di nascita: 22 maggio 1932, White Plains, Stato di New York, Stati Uniti
Data di morte: 25 dicembre 2015, Seattle, Washington, Stati Uniti
Studi: Cornell University

Il lavoro del 
Dr. Robert Spitzer Ã¨ ritenuto da molti di aver aiutato nella promozione dei diritti dei gay, tra cui il dottor Jack Drescher, psicoanalista gay, al New York, ha detto, "Il fatto che il matrimonio gay è permesso oggi è in parte dovuto a Bob Spitzer. "

mercoledì 23 dicembre 2015

Il parlamento greco ha approva la legge che consente le unioni civili per le persone dello stesso sesso. TSIPRAS: "GIORNATA STORICA"

Il parlamento greco ha approvato Martedì (23 dicembre) con una larga maggioranza le unioni civili per le coppie dello stesso sesso in un voto controverso che ha mostrato la forte influenza della Chiesa ortodossa nella società e nella politica del paese. Hanno votato 193 a favore contro 56 contrari, l’approvazione della legge è arrivata grazie al voto favorevole dei partiti di opposizione, mentre il partner di Syriza a governo, il partito nazionalista dei Greci Indipendenti, ha votato contro.

"Con l'approvazione di questa legge si conclude un ciclo retrograda e vergognosa per lo Stato greco e un'era di rifiuto e l'emarginazione di migliaia di cittadini. Si apre un'era di uguaglianza e di dignità", ha detto il primo ministro, Alexis Tsipras .

Il dibattito in Parlamento è durato 12 ore ed è stato caratterizzato da alcune dichiarazioni omo-fobiche, in particolare i membri del partito Alba Dorata-neonazisti.


Tsipras ha chiesto scusa a migliaia di greci che, a differenza di altri paesi europei, ci sono voluti anni per avere l'uguaglianza di fronte alla legge. Con la legalizzazione delle unione civile, la Grecia soddisfa i propri obblighi al blocco, essendo stata condannata nel 2013 dalla Corte europea dei diritti dell'uomo, dopo una denuncia per discriminazione di attivisti omosessuali.

La nuova legge prevede la parificazione delle coppie omosessuali e eterosessuali se sono registrati in Grecia.

La nuova legge risolve tutti i problemi di natura legale come (eredità, assistenza medica, reversibilità pensionistica) ma non sarà ancora consentito l'adozione, cosa che il ministro della Giustizia Nikos Paraskevopulus, ha detto che può essere incluso in seguito.

Il progetto ha ricevuto forti critiche da parte dei partiti greci indipendenti, alleato della coalizione di governo Syriza, che vede la legge come una "sala d'attesa" per l'autorizzazione delle adozioni, qualcosa che ritiene in contrario con le credenze religiose dei Greci.

Una recente indagine pubblicata sul giornale "Efimerida Ton Syntakton" ha rivelato che solo il 42% dei greci è d'accordo con le unioni civili tra coppie dello stesso sesso. Un altro 37% è contro il provvedimento e il 15% non si pronuncia sulla questione.

La Grecia è un paese dove la Chiesa ortodossa ha una grande influenza. Le decisioni di questo tipo si trovano ad affrontare la resistenza da un ampio settore conservatore della società, come dimostrato da una serie di osservazioni critiche che sono state pubblicate sul sito in cui il progetto di legge è stato reso noto nel corso della sua consultazione pubblica.

La Chiesa ha espresso la loro opposizione attraverso una lettera ufficiale al Ministero della Giustizia, in cui l'Arcivescovo di Atene ha detto che la legge è un "premio neoliberista alla mancanza di responsabilità nei rapporti tra le persone."

Nel documento, il leader religioso ha detto che l'unica forma accettabile di rapporto è il matrimonio cristiano.

La Chiesa ortodossa ha ripetutamente classificato tutti i tipi di unione civile, incluso il matrimonio civile eterosessuale, legalizzato solo nel 1981 come "aberrazioni della dell'istituzione familiare".

Discorsi come quello del vescovo Seraphim del Pireo, un vescovo greco ortodosso di Atene, che a gennaio di quest'anno aveva minacciato di scomunicare quei deputati che voteranno a favore di una legge che prevede le unioni civili tra persone dello stesso sesso, definite "un oltraggio a Dio e agli uomini".

In un documento di nove pagine, di cui dà notizia oggi la stampa, Seraphim del Pireo si scaglia contro la proposta di includere in un disegno di legge contro il razzismo e le discriminazioni anche disposizioni sulle unioni civili fra persone dello stesso sesso. IL Vescovo contro il gay "Gli omosessuali sono gente perversa"„che l'omosessualità è il "peccato più disgustoso e immondo" , "un'aberrazione innaturale che non si riscontra nemmeno tra gli animali". Il Vescovo è molto mal informato (Negli ultimi quindici anni sono stati documentati comportamenti omosessuali che vanno dai giochi sessuali a comportamenti genitoriali in coppie omosessuali in circa 1.500 specie, sia in cattività che in ambiente naturale. Questi comportamenti sembrano diffusi tra insetti, uccelli e mammiferi (in particolare delfini e pecore), e soprattutto tra lescimmie antropomorfe) Posizioni più che omofobiche. Ma ci sono casi più estremiste, come ad esempio il vescovo di Kalavryta, che ha recentemente definito gli omosessuali "disabili mentali" e ha chiesto ai fedeli di "sputare" a coppie dello stesso sesso. L'amore cristiano che conosciamo molto bene nelle nostre pelle.


La comunità LGBT in Grecia, certamente non sono soddisfatti di questa legge, ma considerano l'approvazione come il primo passo per il riconoscimento dei loro diritti e si augurano che, con il tempo, l'adozione sia consentita per le coppie dello stesso sesso.

Mentre dentro del parlamento si svolgeva il dibattito, la comunità LGBT e eterosessuali, si sono riuniti nella piazza di Syntagma, davanti al parlamento in una manifestazione convocata sotto il tema "La legge è l'amore", che ha sostenuto il diritto di amare liberamente senza doversi nascondere.
Pochi giorni fa si era invece pronunciato in modo opposto il popolo sloveno, che con un referendum aveva invece abolito la legge approvata alcuni mesi prima che autorizzava i matrimoni gay.

Attualmente soltanto in otto Paesi in Europa non sono previste in Europe le unioni civili: Italia, Cipro, Lituania, Lettonia, Polonia, Slovacchia, Bulgaria e Romania.

sabato 19 dicembre 2015

Aleikasandria Da Silva Barros,la rappresentante della Spagna, che ha vinto Miss Trans Universo 2015. Perugia, Italia.


Di Origini Brasiliana, ma da tempo residenti in Spagna. Aleikasandria Da Silva Barros, 35 anni, è stata incoronata Miss Trans Universo 2015 durante il concorso di bellezza conclusosi la scorsa domenica( 13) a Perugia. Al secondo posto, la bellissima bionda Roberta Holanda. Aleika stata premiata da Kalena Pontes, vincitrice dell’edizione 2014. La cerimonia di premiazione, che ha visto la partecipazione di oltre quattordici concorrenti che rappresentavano quasi ogni angolo del mondo, si è svolta al teatro Bertolt Brecht di Perugia.Il Miss Trans Universo stato ideato e organizzato da Caroline D’Lamark Vaz, con la collaborazione della stilista Josie Marie.




Aleika a vinto il premio per il miglior costume nazionale e il terzo posto per il miglior abito da sera. Attivista e militante della causa trans, Aleika ha già vinto altri concorsi di bellezza, alcuni addirittura internazionale, come nel caso di questi ultimi. "Ho deciso di rappresentare la Spagna, perché è un paese che si batte per i diritti della comunità LGBT e mi sembrava una buona scelta", dice.


Alla domanda su cosa riteneva più importanti, per diventare una miss, la bellezza o l'intelligenza? Aleika classifica come primordiale la "eleganza"e poi star informata sulle politiche di difese LGBT , soprattutto quella della popolazione costituita da transgender e transessuali. 

"Abbiamo vinto un concorso in Italia, non perché ero la più bella della notte. La più bella può stare in piedi sui marciapiede, in qualsiasi angolo delle nostre città, anche lei sicuramente stata esclusa dal mercato del lavoro, passando per situazione di potenziale vulnerabilità e violenza."

"L'obiettivo principale del concorso è quello di presentare donne transessuali diverse dai soliti cliché della( aggiungiamo io, della prostituzione)., e per combattere ogni forma di discriminazione". "Si tratta di una competizione in cui ogni partecipante può scegliere il paese che vogliono rappresentare, e non hanno necessariamente bisogno di essere nate in quel luogo", aggiunge.

Il tema della serata: la neve. Le concorrenti sono state quattordici, in rappresentanza di altrettanti paesi. Hanno sfilato in costume tipico e hanno rappresentato storia e tradizioni dei paesi di elezione, sfilato in abiti da sera eleganti. Tutte le candidate al titolo sono state consigliate, dirette e accompagnate sul palco da una madrina e giudicate da una giuria di quattordici tra esperti di moda chirurghi estetici e rappresentanti delle associazioni Lgbt di Perugia, oltre a impresari locali.



martedì 15 dicembre 2015

Náthalie Oliveira Rovane Cardoso, di 21 anni, è la nuova Miss T Brasil 2015.

Náthalie Oliveira Rovane Cardoso, candidata di Rio de Janeiro, stata eletta questa notte, lunedì (14) Miss T Brasil 2015. Lei ripresenterà il Brasile, nel concurso Miss Universo, International Queen, nel mese di novembre a Pattaya in Thailandia.


Brasile,14 Dicembre - E' Náthalie Oliveira Rovane Cardoso, di 21 anni, la vincitrice di Miss T Brasile 2015. La serata, che ha decretato la miss, si è svolta a Rio de Janeiro. Nella serata di ieri sera, 14. Nàthalia, ha sbaragliato le sue 13 concorrenti nel concorso che incorona la trans più bella del Paese latinoamericano. 

Il concorso di bellezza per trans, giunto alla quarta edizione, organizzato dall'Associazione dei Transgender e Transessuali di Rio (Astra Rio). Uno degli obiettivi del concorso è quello di combattere il pregiudizi ed emarginazione che transgender e transessuali soffrono in Brasile. La missione della vincitrice di Miss T Brasile 2015, e anche quello di rappresentare il paese nel concorso di bellezza "Miss international Queen"il Miss Universo, per donne transessuale più famoso al mondo in Thailandia. 


Questa competizione non si basa solo sulla bellezza, ma anche su altri criteri, come l'educazione, intelligenza , comunicazione,simpatia e umiltà. La vincitrice ha per missione , attirare l'attenzione del pubblico su progetti sociali (stampa, eventi, seminari, ecc ...), prendere parte alla lotta per la promozione dei diritti civili delle persone transessuali,, contro la transfobia e svolgendo un ruolo importante nella lotta contro l'AIDS.


Il MISS T BRASILE, e organizzato e condotto dalla splendida Majorie Marchiè che gestisce il concorso di bellezza.

sabato 12 dicembre 2015

Brasile: sacerdote Fabio de Melo, fa sermone, il cui esempio viene da una trans." uno schiaffo in piena faccia"

Brasile:  Fábio José de Melo Silva, meglio conosciuto come don Fabio de Melo ( 3 aprile del 1971) è un sacerdote cattolico , conosciuto a livello nazionale per il suo lavoro come comunicatore: la sua opera si compone di sei libri pubblicati e 11 CD. Che insieme hanno venduto oltre 1,8 milioni . Docente in antropologia teologia, fu ordinato nel 2001 e per la Diocesi di Taubaté, all'interno di Sao Paulo. 


Invitato, alla commemorazione del compleanno della cantante Alcione, in una famosa scuola de Samba, Mangueira , alla fine di novembre, il sacerdote Fabio de Melo ha vissuto un'esperienza, che ha detto, sorprendente. La transessuale Luana Muniz, Un'ammiratrice del parroco, ha chiesto di fare una foto con lui, che prontamente ha risposto. 
Domenica scorsa, nel corso di un sermone a San Paolo( Brasile) Don Fabio, ha detto che durante il breve periodo di tempo che era li, ha notato un trans che lo guardava. (Prima, voglio far notare che durante tutto il sermone, Don Fabio, parla della trans , sempre al maschile )


Don Fabio:"Voglio pubblicamente confessare la mia ipocrisia. 'Dio del cielo, e se questo ragazzo chiede di fare una foto con me? Come faccio a reagire?'" Il prete ha continuato a dire che ha cominciato a notare l'ombra che veniva verso di lui e che il suo pregiudizio e la paura di esporsi, in quel momento ci sono fatti sentire. "Che sentimento orribile . Come se io fossi meglio. Lo so che è vergognoso, meschino, quello che sto dicendo."

Indipendentemente da qualsiasi giudizio, sto confessando l'ipocrisia del mio cuore in quel momento. Molta gente veniva a chiedere di fare una foto con me. La trans è venuta al sacerdote e gli chiese se aveva l'abitudine di scattare foto con "peccatori". "Ho capito che aveva un'ironia in quella domanda."Ho risposto, 'ma naturalmente' e lo abbracciai lui e abbiamo fato la foto. Prima di salutare e andare via il trans, ha detto 'incredibile che mi hai concesso di fare la foto'. E dai suoi occhi ho visto che lui era commosso."


Fabio ha descritto l'incontro, partendo dal presupposto che inizialmente si sentiva a disagio con la richiesta del trans. Poco dopo l'episodio, Fabio ha detto che Maria Elena, sorella di Alcione(la cantante), gli parlò del trans, che si chiama Luana Muniz ed è molto conosciuta a Rio de Janeiro.

Il video emozionante del sacerdote, che racconta la sua esperienza è disponibile su YouTube (vedi sotto, sette minuti in poi) : 

"Ha detto che lui vive a Lapa(una zona del centro della città di Rio de Janeiro, localizzata tra Santa Teresa (rio de Janeiro) e Cinelândia. Pur non essendo ufficialmente un quartiere è considerato tale dagli abitanti di Rio de Janeiro. Fin dagli anni '50, dopo un periodo di decadenza, è uno dei grossi centri della vita notturna carioca) . Ha detto che il trans, ha creato un gruppo che nutre e accoglie tutti i poveri della regione.

Quando lei mi ha detto, ho cominciato a unire le cose dentro di me. Io non entro nel merito della vita che lui conduce, lasciamo a Dio fare questo. Io non sono sindaco dell'eternità. Ma, che è un schiaffo in faccia a noi, vero? ""


Quello che vediamo è che, naturalmente, provoca fastidio per il fatto di essere cosi diversi da noi. Non sappiamo quante corone di dignità sono state rimesse nella vita di quella persona che nutre il prossimo. Tu sei un cristiano e non sempre siete disposti a prendersi cura di coloro che sono malati, ospitare all'interno della vostra casa e nutrire. "

«Il pubblico, che inizialmente si mise a deridere ogni frase della storia, ha iniziato ad applaudire il sermone il cui esempio viene da un trans.

Duranti il suo racconto, emozionante e trasformativo. E mancato al sacerdote, rispettare 
 l'identità di genere di Luana "una" trans e non un ragazzo. Forse una prossima volta.

Alla fine, don Fabio dice, "Quando Dio mette queste persone davanti a noi, è per distruggere questo castello di illusioni che abbiamo creato dentro. Come se il nostro cristianesimo fosse ormai già pronto. Come se avessimo già raggiunto l'ultima fase per la santità che Dio ci invita, Non, io ho ancora vergogna di chi è diverso da me, ho ancora paura di andare all'incontro di chi ha bisogno di me. E la parola di Paolo è dura: la vostra missione è tra quelli che sono nel bisogno. "



L'incontro del sacerdote Fábio de Melo con la transessuale Luana Muniz è stato uno dei temi più commentati nelle reti sociali, Giovedì (10). In un'intervista per il quotidiano 'Extra', la ragazza ha detto che don Fabio, ha offerto il suo aiuto e ha comprato una battaglia quando ha deciso di fare la foto con lei. 

"Io e lui siamo usciti emozionati della festa. Ammiro la sua missione di trasmettere la fede e l'amore attraverso la musica. Lui mi ha preso la mano e ha chiesto il mio contatto, per aiutarmi nel mio progetto di Natale per i bambini bisognosi qui a Lapa (quartiere bohemien, nel centro di Rio). La mia religione è quella delle buone azioni. Io credo nel bene. So che Fabio a comprato una battaglia con questa foto, ma è anche l'atteggiamento che dà visibilità alla causa LGBT. Sono uscita di casa quando avevo 9 anni e il mio piccolo patrimonio stato grazie alla prostituzione. Non voglio con questo fare apologia. Ma por troppo, questa è ancora la realtà per la maggior parte di noi trans, "ha detto.


Fonte:http://www.diariodosertao.com.br/artigos/v/entretenimento/padre-fabio-de-melo-posa-com-travesti-e-relata-experiencia-surpreendente--%E2%80%98um-tapa-na-cara-da-gente/20151211082927

http://www.correio24horas.com.br/single-entretenimento/noticia/travesti-diz-que-padre-fabio-de-melo-lhe-ofereceu-ajuda-saimos-emocionados/?cHash=6c3fd9f7d3c1f38ccb331f8c521731c0

"Io considero un gesto nobile di autocritica e di apertura verso il diverso.
Il fatto che Don Fabio non abbia usato il genere appropriato per parlare di Luana, è solo una questione di cultura, nella sua umanità, il sacerdote ha dimostrato la volontà di imparare e cambiare. Ha m
esso a tacere le risate di un vasto pubblico (che deridevano la ragazza). Mi chiedo cosa sia un pronome, quando un discorso di pacificazione, tolleranza, molto più importante, molto più forte, direi un grande passo avanti. 

Molto spesso siamo trattate cosi dalle nostre proprie famiglie e amici. Spesso anche dalla comunità (LGBT) Persone che dovrebbero essere i primi  a rispettare,a sapere su come rispettare il genere di una persona trans. Proprio per il fatto, che loro conoscono le nostre storie, ma ,non sempre rispettano. la critica sui pronome, secondo me, non regge. .. Pensateci!.
Il discorso è sorprendente e uno schiaffo ben dato. E il meglio: il volto dei fedeli che hanno capito molto bene quello che Don Fabio voleva passare. Valori cristiani , La carità, fraternità, la loro umanità quando esercitano le qualità umane quali il rispetto degli altri, la generosità. Amare il prossimo tuo come te stesso. !


Usa un linguaggio adatto al genere scelto.
Se hai recentemente conosciuto una persona transgender, è probabile che tu non sia in grado di comprendere appieno la sua identità ed è possibile che tu non sappia come agire senza offenderla. Chiedi che pronome preferisce. Per esempio, qualcuno che si identifica come donna può preferire l'utilizzo di parole e pronomi femminili, come lei, sua, attrice, cameriera, ecc. Al contrario, se si identifica in un uomo, usa: lui, suo, ecc. Alcune persone transgenere hanno cominciato a utilizzare pronomi neutri, ma si tratta comunque di preferenze personali. 

Vanessa Mazza

martedì 1 dicembre 2015

Il 1 ° dicembre 1955, Rosa Parks si rifiutò di dare a un bianco il suo posto su un autobus. L'atto è stato una pietra miliare nel movimento antirazzista negli Stati Uniti.


Il 1º dicembre del 1955, a Montgomery, Rosa sta tornando a casa in autobus dal suo lavoro di sarta. Nella vettura, non trovando altri posti liberi, occupa il primo posto dietro alla fila riservata ai soli bianchi, nel settore dei posti comuni. Dopo tre fermate, l'autista le chiede di alzarsi e spostarsi in fondo all'automezzo per cedere il posto ad un passeggero bianco salito dopo di lei. Rosa, mantenendo un atteggiamento calmo, sommesso e dignitoso, rifiuta di muoversi e di lasciare il suo posto. Per di più, se avesse obbedito al conducente, dato che tutti i posti a sedere erano occupati, sarebbe dovuta rimanere alzata con un problema di dolore ai piedi che l'affliggeva. Il conducente ferma così il veicolo e chiama due poliziotti per risolvere la questione: Rosa Parks viene arrestata e incarcerata per condotta impropria e per aver violato le norme cittadine che obbligano i neri a cedere il proprio posto ai bianchi nel settore comune, quando in quello a loro riservato non ve ne sono più di disponibili. Da allora è conosciuta come The Mother of the Civil Rights Movement.

La protesta silenziosa di Rosa Parks si diffuse rapidamente. Il Consiglio Politico Femminile organizzo da lì un boicottaggio degli autobus della città in segno di protesta contro la misura di discriminazione razziale nel paese. Martin Luther King Jr. è stato tra coloro che hanno sostenuto l'azione. L'attivista e musicista Harry Belafonte ricorda come ha cambiato la sua vita dopo il giorno in cui King gli ha chiamato al telefono per chiedere aiuto per l'azione della donna che divenne conosciuta come la "madre del movimento per i diritti civili" negli Stati Uniti.

"L'atteggiamento di Rosa Parks ci ha permesso di reagire contro le pressioni politiche e sociali che hanno caratterizzato la nostra società. Quando King mi ha telefonato, mi invitando a una riunione, stato la mia prima volta, li inizio il combattimento ufficialmente per questo battaglia. Quando abbiamo iniziato a discutere dei suoi piani, mi sono reso conto che da allora in poi ero impegnato nel movimento guidato da lui e Rosa Parks. È stato un momento molto importante ", ha detto Belafonte.


Pochi giorni dopo l'attitudini spontaneo di Parchi, migliaia di neri si sono rifiutati di prendere l'autobus sulla strada per lavorare. Mentre le aziende di trasporto pubblico hanno cominciato a sperimentare un aumento delle perdite, i neri camminavano - spesso a piedi diversi chilometri - salutando e cantando per le strade ed è anche spesso minacciati, aggrediti, intimiditi. dai bianchi.

Il boicottaggio ha avuto il supporto di diversi personaggi noti come il della cantante gospel Mahalia Jackson, che ha fatto una serie di concerti di beneficenza per aiutare gli attivisti del movimento che erano stati arrestati. "Sarebbe disonesto omettere che ero estremamente felice di essere la prima cantante gospel ad esibirsi al Carnegie Hall di New York, e Albert Hall in Inghilterra. La vera fortuna per me, però, stata quella di cantare in prigione per coloro che sono isolati dal mondo ", dice Jackson.

Il 13 novembre 1956, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha abolito la segregazione razziale in autobus di Montgomery. Poche settimane più tardi, la nuova legge è entrata in vigore a Montgomery. Il 21 dicembre 1956, Martin Luther King e Glen Smiley, prete bianco, entrarono insieme in un autobus e occuparono posti in prima fila.

Nel giugno 1999, il presidente Bill Clinton ha assegnato Rosa Parks, allora 88 anni, con la medaglia d'oro del Congresso degli Stati Uniti. Nel corso della cerimonia di premiazione, Clinton ha sottolineato che la Parks era stata in grado di ricordare gli Stati Uniti che la promessa della libertà era stata solo un'illusione per migliaia di cittadini del paese. Nel suo discorso di accettazione, la signora Parks ha sottolineato che l'onore dovrebbe servire a incoraggiare tutti coloro che lottano per la parità dei diritti in tutto il mondo.

Rosa Louise Parks (nata Rosa Louise McCauley; Tuskegee, 4 febbraio 1913Detroit, 24 ottobre 2005) è stata un'attivistastatunitense figura-simbolo del movimento per i diritti civili,

1 dicembre: Giornata Mondiale contro l'AIDS


Il 1 ° dicembre Giornata Mondiale per la lotta contro l'AIDS è stata una decisione dell'Assemblea mondiale della sanità, nell'ottobre del 1987, con il sostegno delle Nazioni Unite - ONU. La data serve a rafforzare la solidarietà, la tolleranza, la compassione e comprensione per le persone affette da HIV / AIDS. La scelta di questa data ha seguito discrezione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.

Il nastro rosso è visto come un simbolo di solidarietà e impegno nella lotta contro l'AIDS. Il progetto del nastro è stato creato nel 1991 da Visual AIDS, un gruppo di professionisti dell'arte di New York, che hanno voluto rendere omaggio ad amici e colleghi che erano morti o stavano morendo di AIDS.

Il nastro rosso è stato scelto a causa della sua connessione con il sangue e l'idea della passione, dice Frank Moore del gruppo di supporti visivi, ed è stato ispirato dal nastro giallo che ha onorato i soldati americani nella guerra del Golfo.

È stato indossato pubblicamente per la prima volta, l'attore Jeremy Irons, la cerimonia di consegna dei Tony Awards nel 1991. E 'diventato un simbolo popolare tra le celebrità in cerimonie di altri premi e diventando una moda. A causa della sua popolarità, alcuni attivisti erano preoccupati per la possibilità del nastro diventare solo uno strumento di marketing e perdere la sua forza, il suo significato. Tuttavia, l'immagine rimane un potente simbolo nella lotta contro l'AIDS, rafforzando la necessità di azione e di ricerca sull'epidemia.


1° dicembre, Giornata mondiale contro l'Aids: per continuare a promuovere la ricerca di nuove terapie, ma anche e soprattutto per riaccendere le luci sulla prevenzione e ricordare che questa malattia continua a essere un rischio sociale, anche in Italia. Secondo i dati raccolti dagli infettivologi, infatti, ogni anno si registrano 3.500-4000 nuovi casi di Aids nel nostro Paese, con una crescita numerica costante e con la situazione aggravata dal fatto che sono in aumento i sieropositivi che presentano infezioni da sifilide.




In occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS 2015 si terranno molte iniziative in Italia e tra queste la Lega Italiana per la Lotta contro l’AIDS ha organizzato raccolte fondi e test gratuiti in molte città d’Italia (per sapere di più clicca qui).

“Senza rosa né celeste". Diario di una madre sulla transessualità della figlia”: di Mariella Fanfarillo, prefato da Cirinnà.

«Ho imparato a mie spese la differenza tra vedere e guardare: ora so che da sempre io vedevo mio figlio ma guardavo mia figlia».  È da...