martedì 15 gennaio 2013

Femen, nude per i gay in piazza San Pietro «Homophobe, shut up (Omofobo, stai zitto)!»



Domenica di protesta per i diritti degli omosessuali: nella Francia di Hollande, per negarli. A Roma, sotto il balcone del simbolo della Chiesa cattolica, per affermarli.


A Parigi sono scese in piazza diverse decine di migliaia di cittadini (300 mila al massimo secondo la polizia, 800 mila secondo gli organizzatori): pacifici e ben vestiti, hanno scandito slogan contro le politiche favorevoli ai matrimoni e alle adozioni gay del presidente François Hollande, (promesse, tra l'altro in campagna elettorale). In Vaticano quasi lo stesso clamore è stato suscitato da sole quattro donne, due francesi e due ucraine, di 23 e 25 anni, del gruppo femminista Femen: quattro ragazze che, in jeans e seno nudo sotto il cielo di gennaio, hanno urlato il loro sdegno contro Benedetto XVI. Il Papa si è infatti recentemente pronunciato contro le unioni omosessuali, definendole “una ferita alla giustizia e alla pace” e "un'offesa contro la verità della persona umana”. Sul corpo delle quattro amazzoni, una delle quali è la leader ucraina del movimento, Inna Shevchenko, le scritte “we trust in gay” e “shut up”, esortazione rivolta al pontefice.



  
A Parigi la manifestazione è stata appoggiata dalla chiesa cattolica, da numerose organizzazioni religiose e dal principale partito di opposizione di centrodestra, l'UMP (quello dell'ex presidente Sarkozy). Tra gli organizzatori più attivi c'è stata la comica Frigide Barjot - pseudonimo di Virginie Tellenne. Non ha partecipato invece Marie Le Pen, leader del Front Nationale, il terzo partito del paese.

A Roma, invece, non solo la polizia si è prodigata per strappare le quattro attiviste dal centro della scena, ma ci si è messa anche una signora che ha bacchettato, munita di tanto d'ombrello quanto di fede incrollabile nella parola del Papa, le quattro miscredenti, e le urlò contro: “Sei il diavolo, sei il diavolo!”


"un'offesa contro la verità della persona umana”?
Offesa contro la verità della persona umana per me non è l'amore tra due persone dello stesso sesso, l'offesa secondo me è la pedofilia, stupri, omicidi che si verificano quotidianamente i soprusi dei nostri governanti che stanno distruggendo il nostro futuro. Ma questa maggioranza prescelta da Dio, chiude gli occhi e fingere di non vedere.

Il Papa dice che i matrimoni gay minacciano la società, non ho mai visto un gruppo di omosessuali attaccare gruppi di etero o sequestrando aeri per farsi esplodere in qualche posto, credo che le religioni da secoli diffondono odio, che minacciano veramente la società.

Il matrimonio gay, sarà un giorno quello che è stato per l'abolizione della schiavitù, il razzismo, il voto alle donne altri diritti concesso alle donne chi dalle nostre parti che non dimentichiamo che in tante altre parte del mondo loro neanche possono permetersi ancora oggi di sognare, per colpa di ?.

Tutto è secondo me una questione di tempo. In ogni caso la chiesa è pronta a difendere situazioni presenti in luoghi dove ha necessità di espandere il proprio potere terreno infischiandosene allegramente dei dogmi che impone da noi, come la battaglia contro l'aborto, e ammettono o anche benedicono la presenza di governi che attuano la pena di morte per gli omosessuali.



Notizie ; http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/12/matrimonio-e-adozione-gay-scendono-in-piazza-oppositori-alla-legge-francese/468404/#.UPMFIfY5KAs.facebookhttp://tv.ilfattoquotidiano.it/2013/01/13/vaticano-blitz-delle-femen-a-san-pietro-durante-angelus-del-papa/216775/
Posta un commento

LA TRANSESSUALITA' non è più classificata dall'Oms come malattia mentale.

Nel mese dell’orgoglio LGBT, l’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, da un motivo in più per festeggiare e toglie la transessuali...