mercoledì 20 novembre 2013

Quando una transessuale invecchia?


Ho trovato questo bellissimo articolo di Lucas Avila, un giornalista, fotografo e geografo brasiliano. Che racconta il suo viaggio nel universo delle persone trans, per capire meglio, la transessualità, chiamata anche "Disforia di Genere". La transessualità o transessualismo è la condizione di una persona la cui identità sessuale fisica non è corrispondente alla condizione psicologica dell'identità di genere maschile o femminile e che, sovente, persegue l'obiettivo di un cambiamento del proprio corpo, attraverso interventi medico-chirurgici.

E cosi si è fatto questa domanda, "E quando una transessuale invecchia"?. vorrei che fosse molto chiaro che il giornalista qui, parla esclusivamente di una realtà brasiliana. Ma che non e molto diversa da altre nel mondo.
Roberta Lora ha 45 anni
Di Lucas Ávila
Nel mio lavoro di fotografo, sono andato all'incontro di transessuali che sono arrivate nella terza età. Esistono tante storie al di là della prostituzione.



Se il mondo, da un lato, cammina verso una popolazione più vecchia e il giapponese vantano il titolo di più alta aspettativa di vita, le trans brasiliane sono ancora nel inizio del secolo 19 ° , più precisamente nel 1810, quando il tasso di vita era 40 anni. Durante il mio lavoro di fotografo, registrando transgeneros e transessuali a Belo Horizonte (una città del Brasile sud-orientale), pochi avevano più di 35 anni. Due o tre al massimo. Il fatto è che non ci sono dati che mostrano quanto tempo, in media, vive una transessuale. Né sappiamo (tranne in alcuni casi che sono lasciati dai media) di quante vengono uccise ogni anno.

Condizionate nella sua maggioranza soprattutto nel lavoro sessuale che dipende dalla bellezza fisica, gli innesti di silicone che formano e riempiono strategicamente le forme fisiche, progettati e curati nel corso degli anni non resistono alla età. Prima o poi, quelle che potevano scegliere i suoi clienti diventa sempre meno ricercata. Naturalmente ci sono delle eccezioni, quelle che non hanno mai frequentato le strade, che hanno seguito una carriera artistica, coloro che sono riusciti a montare il proprio salone di bellezza o che hanno fatto i soldi in Europa. Ma forse vivendo questo gergo nella pelle che dice che la vita è troppo breve, coloro che sono nelle strade oggi poco pensano alle future rughe. E il Brasile, che si denuda nel carnevale, ma indossa la tonaca quando si parla della legalizzazione della prostituzione, samba nella  ipocrisia. Quelli che attirano pietre e gli nega un posto di lavoro sono gli stessi che realizzano le loro fantasie nei letti di motel.


Come detto anteriormente, pochi trans superano i 40 anni. Sono vittime di brutali omicidi motivati ​​da transfobia e sono scarsamente supportate dalla polizia, ci sono anche discordia coniugale, il coinvolgimento con il traffico di droga, dipendenze, infezioni da HIV o con le protesi al silicone industriale, che è ancora una realtà. C'è un'altra situazione che contribuisce alla vita breve: alcuni non frequentano ospedali e cliniche per l'imbarazzo del nome di battesimo, in quanto non esiste una legislazione che rispetti la denominazione sociale in Brasile. Quelli che sopravvivono a questo groviglio di problemi nel corso degli anni sono molto, molto pochi. Alcuni sono visti occupare posizioni in organizzazioni non governative che lottano per i diritti umani, altri diventano capi di bordelli, altri affittano le loro case per le più giovani trans, cosi non soffrono tanto quanto loro. Questo perché, oltre a tutte le questioni che circondano l'identità di genere, difficilmente qualcuno affitta una casa o un appartamento a una persona transessuale. Ci sono ancora altri che, senza lavoro e senza spazio, chiedono rifugi alle famiglie che in gioventù gli ha esclusi e sono accettati solo se tornano a vestirsi e comportarsi da uomini.

Anyky ha 59 anni ed è attuale presidente di Cellos (Centro di Lotta per la libero Orientamento sessuale di Minas Gerais). Lei mantiene due case in cui vivono decine di transgender e transessuali.
Sono stato in diverse abitazioni e luoghi di lavoro. Evidenzia Anyky Lima, transessuale carioca 59 anni che vive da oltre 20 anni nella capitale dello stato di Minas Gerais. Presidente della Cellos, lei conosce, bene, le particolarità della vita di chi lavora sulle strade. E ha raccontato un paio di cose in un video che ho fatto come parte della campagna "Transessuale sì, e allora? La mia condizione non giustifica la loro aggressività, "con l'aiuto di Julia e Rita Lopes Carneiro.

Le transessuali più anziane sono di un periodo in cui la prostituzione è stata proibita in Brasile.Sanno che il lavoro per le strade veniva classificato come "vagabondaggio". Dicono che il cambiamento è avvenuto qui in Minas Gerais durante il governo di Itamar Franco, quando un gruppo di prostitute e transessuali hanno preso d'assalto il Palazzo della Libertà per protestare contro la violenza della polizia nelle strade. Il problema è arrivato fino a Brasilia e il MTE cominciò a classificare, nel 2002, la professione come una occupazione.

Nel Paese che reagisce alla lotta per i diritti con intolleranza e  morale religiosa, molte persone ancora aspirano alla libertà. Forse un giorno, in una festa della Terza Etàquando il suono di Britney, Rihanna e Shakira saranno solo segni di un passato già lontano, transessuali già vecchie signore potranno condividere la loro vita tra un brano e l'altro. E ricordare, senza amarezza, di un passato che non hanno mai vissuto.

Fonte:http://vestiario.org/2013/11/18/e-quando-a-travesti-envelhece/

Cent'anni di Mandela: Il 18 luglio del 1918 nasceva l'uomo che ha lottato contro l'Apartheid passando 27 anni in carcere

Il 18 luglio del 1918 nasceva Nelson Rolihlahla Mandela, l'attivista e politico sudafricano lottò una vita intera contro la violenza e l...