Il transessualismo visto da una madre

Lettera di una madre di un uomo transessuale diretto ad altri genitori.

Mercoledì 6 gennaio 2010

Per i genitori come me ... Il cervello degli uomini non è uguale a quelle delle donne.

La transessualità è la condizione di una persona la cui identità sessuale fisica non è corrispondente alla condizione psicologica dell'identità di genere maschile o femminile e che, sovente, persegue l'obiettivo di uncambiamento del proprio corpo, attraverso interventi medico-chirurgici.(Dr.

Giovanni Decio Ferreira - chirurgo plastico)

La strada è lunga e dolorosa. I genitori dei transessuali soffrono, si arrabbiano, si chiedono senza una risposta, di chi è la responsabilità di quello che è successo e il più delle volte non sanno neanche bene cosa sia.

Dopo aver perso un bambino di tre anni improvvisamente e in forma tragica, è scatenato l'inferno. Dopo cinque anni ero incinta e sempre pensando che sarebbe bello se fosse un maschio.

Quando è nata una bambina, la gioia è stata la stessa, l'infanzia è stata normale, l'adolescenza non più. Oggi, guardando indietro, vedo piccoli segnali di allarme che sono cresciuti nel tempo fino a quando sono andato da un psicologo, all'età di 19 anni, che poi mi chiama per dire che c'e il rischio di suicidio.

E quando parlandomi, dice di sapere finalmente che è un transessuale, ero disorientata e non sapevo come chiedere: - Ma che cosa è ?.

Sono andata a vedere dei documentari, ascoltai lezioni sui canali stranieri che parlavano di prostitute, la vita notturna e la discriminazione sociale ma io sapevo che non era niente di quello.

Poi siamo andati , io e mio marito da uno psichiatra e abbiamo parlato a lungo con lui. Fu allora che mi resi conto che non valeva la pena combattere, ma piuttosto sostenere, accogliere, aiutare .

L'anima più che gli occhi gridano di dolore, angoscia, afflizione . Ora che si fa? Mia bella figlia sarà squartata, amputata? E se non andrà bene? Come la società accetterà questa cosa? E la famiglia, che diranno?

La strada è dura, è lunga, è difficile, ma se i genitori accettano e sostengono, ci arriveremo . Prima vedremo un cambiamento nella parte esterna, le seguenti operazioni, poi la lotta per il cambiamento di nome, la ricerca di un posto di lavoro che viene negata solo perché sono diversi. Grazie a Dio c'è un medico straordinario che li tratta come in famiglia, che si preoccupa, che li opera, che aiuta. Mentre avanzano nella transizione, sono più felici, più fiduciosi, con più voglia di vivere .

E noi genitori? Mettiamoli da parte come fanno gli altri? Le obblighiamo a essere ciò che non sono? Ricattiamo con denaro, e minacce, ecc.

Infine dobbiamo pensare che se soffriamo, loro soffrono il doppio. Soffrono più dei gay e lesbiche che non devono essere sottoposti a operazioni dolorose e difficili, né di mostrare il documento di una donna quando fisicamente sono uomini e viceversa, che non deve essere sottoposto a un esame spietato presso l'Istituto di Medicina Legale, che non c'è bisogno di andare in tribunale davanti a un giudice per giustificare la richiesta di cambiamento legale di nome e sesso.

E questo dura anni. è anni.

Ho perso una figlia triste, arrabbiata e chiusa, ma ho vinto un bambino felice, forte con tanta voglia di vivere .

Dovremo fondare un'associazione di genitori di transessuali?

Può darsi che possa aiutare a parlare tra di noi, ma di una cosa sono sicura, è il nostro dovere come genitori, l'amore che abbiamo per aiutarli fino ad esaurimento , per comprendere anche se non comprendiamo correttamente e, soprattutto, l'amore e sostegno incondizionato.


Da una madre di (69 anni)Inviato da blog-grana http://grit-ilga.blogspot.com/2010/01/carta-de-uma- madre-di-un-uomo-transexual.html
GRID (Gruppo di riflessione e di intervento sulla transessualità) http://grit-ilga.blogspot.com/2007/09/apresentao.html

Commenti

Post più popolari