mercoledì 15 aprile 2015

Brasile: Veronica per terra, legata come un animale davanti a una macchina della polizia, con addosso pantalone strappati. Fotografata da agenti che la prendevano in giro : la crudeltà istituzionalizzata

#‎SIAMOTUTTEVERONICA‬ 

Veronica Bolina, trans, nera: arrestata, picchiata, le tagliano i capelli , la fotografano mezza nuda, legata come un animale, sfigurata da criminale travestiti da poliziotti, poi esposta e umiliata con queste foto rilasciate in rete. Dalla propria polizia, Il calvario di Veronica inizia Domenica scorsa (12/04) Stata arrestata , accusata di aver aggredito una signora vicina di casa, duranti una lite nel loro edificio a San Paolo. Tuttavia Il fatto vieni alla luce solo per il morso dato nell'orecchio di un carcerieri. Che secondo me, stato inflitto come forma di difesa dalle torture e umiliazione subite.

Nonostante tutto questo gravissimo quadro di umiliazione e di abuso di potere contra Veronica, che di professioni fa la modello, l'aggressione da parte della polizia non sta causando lo giusto sdegno, per il fatto che Veronica Bolina è una trans. 

In Brasile c'è una risoluzione per il trattamento appropriato per le persone LGBT e, nel caso di persona transessuale la polizia deve garantire il diritto alla identità di genere, che include il nome sociale, abbigliamento e il trattamento in base all'identità di genere.che abbiano lo stesso trattamento di altre donne.

Ma quello che si vede dalle immagini che vediamo, a Veronica questi diritti non sono stati concesso.
 

Por tropo, ogni giorno, il numero de transgender e transessuale aggredite e violentate in Brasile aumentano in modo terrificante, molte finiscono morte - e nulla è fatto. Questi tipo di violenza non vieni investigate ne combattute. 

A me, viene una tristezza enorme, quando vedo il paese che tanto amo, Pieno de persone meschine, intollerante, razzisti, reazionari, Poi vedendo la deriva evangelica e fasciste che si trova nel congresso nazionale, Mi vieni la conferma ancora più triste che la possibilità di che tutto questo schifo sparisca, evapora nell'aria.

Indipendente del reato che lei ha commesso, a nessun essere umano merita essere umiliato in questo modo vile.


Non so cosa sia realmente accaduto!, Ma la fotografia di Veronica per terra, con la testa razzata, il volto sfigurato, i seni di fuori, legata come un animale, parla da sé. Poco importa ciò che pensiamo o crediamo: la persona nella foto è una donna, perché è così che si vede e quindi così dovrebbe essere trattata. La mancanza di sensibilità e rispetto, della parte della stampa, umilia nella stessa misura della tortura fisica e psicologica che ha subito Veronica ... nulla giustifica questa crudeltà.

Naturalmente, non sono qui a difendere un criminale. Sono la prima a voler che lei paghi per quello che ha commesso. Quello che non posso accettare e che nel 2015 possa accadere ancora, questi atrocità nel sistema carcerario Brasiliano. 


Non sono affatto d'accordo, con la violenza inflitta da Veronica su una signora, che potrebbe essere mia mamma ,ho mia nonna. E un reato grave, che lei deve giustamente pagare con il carcere. Pero nulla giustifica il trattamento che a lei stato riservato ... Veronica ha commesso un crimine, punto,mi sembrerebbe illogico che lei non sia condannata e paghi in prigione ...,Ma, mai tortura questo NO! 

Veronica era già sotto l'autorità dello Stato in una stazione di polizia. Lo stesso stato che ha firmato e ratificato la Convenzione americana sui diritti umani e la completezza dell'articolo 5 ° l'Inter-americano Convenzione contro la Tortura e altri trattamenti o punizioni crudeli, inumane o degradanti. 

Non possiamo più accertare che funzionari dello Stato, in nessun caso, violino i diritti di coloro che sono sotto la loro tutela. Anche se Veronica è accusata da un qualche tipo di reato, deve essere sottoposta alla giustizia, non tortura. Avere il diritto a un giusto processo, non essere sposta in modo crudele, da vigliacche, il suo corpo stuprato e fotografato dai sadici poliziotti

Vanessa Mazza

Cent'anni di Mandela: Il 18 luglio del 1918 nasceva l'uomo che ha lottato contro l'Apartheid passando 27 anni in carcere

Il 18 luglio del 1918 nasceva Nelson Rolihlahla Mandela, l'attivista e politico sudafricano lottò una vita intera contro la violenza e l...