Oggi, 25 novembre, ricorre la “Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne”.



Il 25 novembre di 1999, viene istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la «Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne» lo scopo era quello di sensibilizzare la società civile e i mezzi di comunicazione su questo brutto fenomeno.



Secondo dati dell'Onu, si stima che nel mondo intero, una donna su cinque è vittima di violenza o tentativo di violenza nel corso della sua vita.



Il 25 novembre vieni scelto come giornata di lotta contro la violenza in ricordo del massacro delle sorelle Mirabal, Patria, Minerva e María Teresa, assassinate durante il regime domenicano di Rafael Leonidas Trujillo lo stesso giorno del 1960.



Qui il messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon per la
Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne - 25
novembre 2011.
La violenza contro le donne e le bambine assume molte forme, ed è diffusa in tutto il mondo. Esso comprende lo stupro, la violenza domestica, molestie sul lavoro, a scuola gli abusi, le mutilazioni genitali e la violenza sessuale nei conflitti armati. Tutto questo è causato prevalentemente da uomini. Sia nei paesi sviluppati che in via di sviluppo, la perversità di questa violenza deve choc care tutti. La violenza - e in molti casi, una semplice minaccia - è uno degli ostacoli più significativi alla piena uguaglianza per le donne. Il diritto delle donne e delle ragazze di vivere libere dalla violenza è fondamentale e inalienabile. E' sancito dal diritto internazionale dei diritti umani e dal diritto umanitario. E questo è al centro della mia campagna per porre fine alla violenza contro le donne.

Dal suo inizio nel 2008, la campagna mobilita governi, società civile, settore aziendale, atleti, artisti, donne, uomini e bambini in tutto il mondo. La piattaforma di mobilitazione sociale "UNiTE" ha registrato oltre due milioni di attività in tutto il mondo - dalle dimostrazioni alle campagne di sensibilizzazione pubblica, la difesa del gratuito patrocinio per le vittime.

Molte di queste attività hanno ricevuto il sostegno del Fondo fiduciario delle Nazioni Unite per porre fine alla violenza contro le donne. Da quando ha dato inizio 15 anni fa, il Fondo ha dato donazioni per un importo di 77 milioni dollari a 339 iniziative in 126 paesi e territori. Vorremmo che il Fondo facesse molto di più, ma la richiesta di supporto è continua e va al di là delle nostre risorse. Quest'anno, il Fondo ha ricevuto oltre 2.500 applicazioni che richiedono quasi $ 1,2 miliardi. Chiedo a tutti i nostri partner di aiutarci a soddisfare questi bisogni non soddisfatti. La nostra sfida è far sì che il messaggio di "tolleranza zero" si senta ovunque.

Per fare questo, abbiamo bisogno di coinvolgere tutta la società - in particolare dei giovani. In particolare, i giovani uomini e ragazzi che devono essere incoraggiati a diventare i sostenitori che abbiamo bisogno. Abbiamo bisogno di promuovere modelli sani di mascolinità. Molti giovani ancora oggi crescono circondati da stereotipi maschili negativi. Quando si parla ad amici e colleghi sulla violenza contro le donne e le ragazze, e in agire per porvi fine, possono contribuire a spezzare il comportamento radicato da generazioni.

In questa Giornata Internazionale, io chiedo ai governi e i loro partner in tutto il mondo di sfruttare le idee, l'energia e la capacità di guida dei giovani per aiutarci a porre fine a questa epidemia di violenza. Solo allora avremo una società più giusta, pacifica ed equa".(22/11/2011-ITL/ITNET)

PARTE II - Video realizzato dal Coordinamento Donne di "Sinistra Ecologia Libertà" di Palermo, in occasione del 25 Novembre 2010, Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne, a cura di Marina Galici.

Vanessa Mazza

Commenti

Post più popolari