venerdì 26 luglio 2019

Il cervello dei bambini trans assomiglia alla loro identità di genere, non al sesso biologico



Un nuovo studio condotto da un neurologo belga ha scoperto che l'attività cerebrale nelle persone transgender assomiglia a quella riscontrata nelle persone (cis, cisgender ) che fa riferimento agli individui che sentono di appartenere al genere biologico che hanno ricevuto alla nascita. Si tratta, dunque, di persone che si identificano e si sentono a proprio agio – a livello di sentimenti e di identità sessuale - con il proprio sesso biologico. Il termine è stato coniato dalla biologa Dana Leland nel 1994.

Julie Bakker dell'Università di Liegi ha guidato la ricerca di 
risonanza magnetica, che ha coinvolto 160  bambini e  adolescente transgender con diagnosi di disforia di genere. Le scansioni hanno anche misurato le microstrutture cerebrali usando una tecnica chiamata tensore di diffusione.

I loro risultati sono stati confrontati con quelli di età comparabile a cui non è stata diagnosticata la disforia di genere.


Lo studio ha scoperto che l'attività cerebrale nei ragazzi transgender assomiglia a quella dei ragazzi cisgender e che quella delle ragazze transgender è simile a quella delle ragazze cis.

I ricercatori hanno affermato che la tecnica potrebbe essere utilizzata per aiutare i bambini transgender più piccoli.

"Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, ora abbiamo prove che la differenziazione sessuale del cervello differisce nei giovani con disforia di genere, in quanto mostra caratteristiche cerebrali funzionali tipiche del loro genere desiderato", ha affermato Bakker.


"Adesso saremo meglio attrezzati per aiutare questi giovani, invece di mandarli da uno psichiatra sperando che il loro dolore scompaia spontaneamente."

I risultati dello studio, presentati alla riunione della Società europea di endocrinologia, seguono precedenti studi neurologici che hanno dimostrato che gli adulti trans hanno strutture cerebrali simili a quelle delle persone cis del loro genere.

Le informazioni provengono dalla nazione LGBTQ .

“Senza rosa né celeste". Diario di una madre sulla transessualità della figlia”: di Mariella Fanfarillo, prefato da Cirinnà.

«Ho imparato a mie spese la differenza tra vedere e guardare: ora so che da sempre io vedevo mio figlio ma guardavo mia figlia».  È da...