Nepal si prepara a riconoscere il "terzo sesso"

I transessuali in Nepal attendono con ansia l'attuazione di una legge che prossimamente riconoscerà ufficialmente come "terzo sesso".



Kathmandu, 10 luglio -. Nepal i transessuali aspettano l'approvazione di una legge che prossimamente
riconoscerà il modo come desiderano essere riconosciuti, come "uomini" o "donna" ho come "altra" categoria che sancisce ufficialmente il " terzo sesso ".

Manisha Dhakal, 37 anni, è una di quelli colpiti dalla futura norma: a lei piace essere menzionata come "lei", anche se la sua carta d'identità, rilasciata all'età di 16 anni, afferma che è nata uomo, ma da 5 anni e in transizione.

"Sono andata a scuola vestita come ragazzo. Non giocavo a calcio, come hanno fatto gli altri bambini. Mi piaceva le bambole", dice.

La decisione di formalizzare il terzo sesso dovrebbe ancora essere applicato, dice Efe il portavoce dell'Interno, Shankar Koirala, aggiungendo che non si sa quanto a lungo durerà un processo per stabilire una categoria che potrebbe includere anche gli omosessuali.

"Possono essere inclusi su richiesta", ha detto Koirala.

Dopo la messa a punto delle regole, l'Amministrazione ha inviato circolari a tutti i 75 uffici distrettuali che sono responsabili dell'emissione dei certificati di cittadinanza.

La decisione del governo segue una sentenza della Corte Suprema nel 2007 che lo ha spinto a riconoscere come membri del "terzo sesso", riferendosi ai transessuali ed ermafroditi.

Ma il governo ha preso cinque anni per rivedere, perché i successivi ministri degli Interni rifiutò di riconoscere le minoranze sessuali, Efe, ha detto Sunil Babu Pant, il più noto attivista del settore in Nepal.

"Se Nepal avesse approvato subito dopo la decisione della Corte sarebbe stato il primo paese al mondo a approvare questa leggi", ha detto Pant, l'unico deputato apertamente gay in Parlamento appena sciolto.

Da allora, l'Australia , la Nuova Zelanda e Argentina hanno cominciato a registrare le persone nel "terzo sesso", ha aggiunto, mentre in Pakistan è stato riconosciuto tale diritto, ma la sua applicazione è in sospeso.

Finora, nonostante la mancanza di azione del governo, tre nepalesi sono stati certificati nella categoria "altro", perché i funzionari di ogni caso hanno deciso di rischiare partendo dalla decisione giudiziaria.

Le persone che rappresentano il "terzo sesso" sono stati contati nell'ultimo censimento, ma gli attivisti lamentano del fatto che tali dati non sono inclusi nei risultati del conteggio della popolazione.

"I funzionari non hanno avuto la formazione adeguata. Alcuni addirittura richiedevano certificati di cittadinanza e, in alcuni casi, hanno chiesto che il cittadino in questione si spogliarsi," si lamentò Pant.

Anche se sopravvive ancora in Nepal lo stigma associato al il terzo sesso, le cose stanno lentamente cambiando in questo paese di maggioranza religiosa indù.

Pant fondate nel 2001 Blue Diamond Society (Blue Diamond Society), che promuove i diritti di genere e delle minoranze sessuali, e molti membri del terzo sesso hanno trovato il supporto che a volte mancava.

"Nel 90, dopo aver lasciato l'istituto dovevo  andare nei parchi a cercare gente come me, ma ora abbiamo questo", racconta la transessuale Dhakal in riferimento a tale organizzazione, dove lavora.

Grazie alla Società, dice hakal che potrebbe finalmente avere una conversazione franca con i tuoi genitori e convincerli di non sposare, una sfida in una società in cui sono disposti la maggior parte dei matrimoni e gestito dalla decisione della famiglia.


Nel 2006, Dhakal ha iniziato a prendere ormoni per sviluppare il seno è, oggi, con queste curve, capelli lunghi e la voce bassa, potrebbe passare per una donne alla nascita.

"In genere la società è associata al matrimonio indù: un uomo sposa una donna, e viceversa", dice Pant.

Le direttive del nuovo governo consentono anche a gay e lesbiche di scegliere in modo diverso si vogliano questo.

"Incoraggeremo i gay e le lesbiche per scegliere il neutrale. Ma la decisione dovrebbe essere per ciascuno di essi", ha detto Pant.

Secondo le stime internazionali, circa il 8-10% della popolazione è omosessuale, e l'1% è transessuale.

"Una volta che la politica sarà preparata, ci saranno circa 200 o 300 di noi in attesa di ottenere i certificati di cittadinanza, con una nuova identità", ha detto Pant, mentre Dhakal ritiene che "si tratta di una vittoria", aggiungendo: "Sono felicissima ".

Commenti

Post più popolari