Brasile: transessuale cambia nome senza operazione di cambio di sesso.


Brasile: La conduttrice radiofonica  Sandra Gomez dos Santos, 33 anni, sta attraversando una nuova fase nella sua vita dopo che il giudici Erasmus Hallysson Campos, della terza Corte civile di Roraima,  uno stato del Brasile, localizzato nella sezione settentrionale del paese. Confina a nord con il Venezuela. Ha autorizzato il cambio di nome nei suoi documenti senza la necessità di un cambio chirurgico di sesso. La decisione è stata presa il 3 di questo mese. Martedì scorso (17), la transessuale ha fato la correzione sul registro elettorale.

Nell'anno delle elezioni comunali, Sandra è felice di votare per la prima volta firmando il nome che si identifica nella sua essenza. "Sarà la prima vera esperienza elettorale come una donna", ha detto la conduttrice.


Con la decisione del giudice in mano, Sandra e andata all'ufficio del Registro di Boa Vista, e  nello stesso giorno ha chiesto il rilascio del nuovo certificato di nascita. "L'unica cosa negativa in questa decisione è che, pur avendo cambiato il mio nome nel documento, il sesso è ancora identificato come maschio. Questo è il lato negativo della decisione di modifica del nome senza la necessità di intervento chirurgico completo. Continuo come 'maschio 'nel certificato e nella carta di identità "

Sandra ha anche detto che il prossimo passo è quello di ottenere il rilascio del diploma universitario. "Quando mi sono laureata, ho chiesto che non rilasciassero il documento perché volevo stare con il mio nome di donna. Ora, ho fatto la richiesta."

La conduttrice è molto nota in Boa Vista, per il suo lavoro alla radio e per essere una militane dei diritti GLBT, ma anche cosi non era fuori dai problemi individuati dalla sua identità."Mi vergognavo di mostrare i miei documenti. Mi sentivo male, perché dovevo sempre dare spiegazioni su me stessa. Questa sentenza era tutto per me. E guardate che quando siamo conosciuti le cose diventano più facili."

Il pubblico difensore Nathaniel Francis, che ha rappresentato Sandra nel processo, ha detto che il caso della conduttrice aveva una "mancata corrispondenza tra il sesso anatomico e quello psicologico." Ha detto che questo è il primo caso in cui il giudice decide nello Stato, autorizzando il cambio di nome senza un cambiamento di sesso. "Ci sono altri cause in movimento nello Stato e questa decisione servirà come giurisprudenza," ha detto.

Il riconoscimento giuridico e il finanziamento delle operazioni di cambiamento di sesso in Brasile.

La possibilità dei transessuali dopo l'intervento chirurgico di riassegnazione del sesso, cambiare il nome sul documento di nascita, è stato riconosciuto anche per la giustizia in tante parti del paese, come São PauloDistretto FederaleGoias  e Pernambuco , e che la decisione del Distretto Federale divenne chiara che il transessuale può anche cambiare il sesso sul loro registro civile.

Il Tribunale federale ha anche obbligato il sistema Unico di Salute (SUS) a coprire i costi delle operazioni di cambiamento di sesso.

L'azione proposta dai procuratori federali nel 2001 a Porto Alegre, non era favorevole in prima istanza, ma la quarta Corte federale della Regione ha accolto il ricorso ad agosto 2007, ordinando che le operazioni fossero pagate dal SUS in tutto il paese. La Unione si è appellata contro la decisione alla Corte Suprema, sostenendo che il requisito porterebbe grande peso sulle casse pubbliche. Il primo giudice, il ministro Ellen Gracie Northfleet, ha sospeso la decisione il 12 dicembre 2007, ma il giorno dopo il Ministero della Salute ha annunciato la sua intenzione di includere la procedura nel SUS. Il Ministero della Salute ha annunciato che fino al fine del 2008 avrebbe cominciato a finanziare le operazioni.

Nel luglio 2009, la procuratoria generale della repubblica ha presentato una ADIN nella STF con l'obiettivo di consentire che i transessuali possano cambiare il loro nome nel registro civile a prescindere dal cambiamento di sesso chirurgico.

Ossia, In Brasile, non esiste una legislazione specifica che regola la materia. Tuttavia, la maggior parte dei giudici applicano l'analogia e i principi generali del diritto (04) per risolvere i casi riguardanti ai transessuali. Così, l'assenza di una normativa è completata da pronunciamenti giurisprudenziali.

La Costituzione prevede tutto il necessario per la direzione giudiziaria. All'articolo 1 della Carta Magna sono elencati i principi fondamentali della Repubblica federativa del Brasile. Tra di essi è la dignità umana. All'articolo 3, si osserva che uno degli obiettivi della nazione è quello di promuovere il bene di tutti, a prescindere di origine, razza, sesso, e di colore, età e altre forme di discriminazione. Inoltre, l'articolo 4 afferma che nelle relazioni internazionali, il Brasile è governato dalla prevalenza dei diritti umani. Articolo 5, a sua volta, prevede che "tutti sono uguali davanti alla legge, senza distinzione alcuna, garantendo a brasiliani e stranieri residenti nel paese il diritto inviolabile alla vita, alla libertà, uguaglianza, sicurezza e la proprietà. "

Per quanto riguarda le operazioni e incontro con i fondi del Sistema Sanitario Nazionale si può dire che la realizzazione di loro hanno protezione costituzionale in linea di principio il diritto alla salute. L'arte. 6 della Costituzione dice: "sono diritti sociali all'istruzione, salute, lavoro, alloggio, tempo libero, sicurezza, welfare, tutela della maternità e dell'infanzia, e l'assistenza alle persone senza fissa dimora, ai sensi della presente Costituzione" .

In questo modo, il diritto alla salute è un diritto fondamentale che può essere difeso sul  piano individuale e collettivo.

Nome sociale è il nome con cui le persone con disturbo dell'identità di genere (transessuali e transgender) preferiscono essere chiamati continuamente, in contrasto con il nome ufficialmente registrato che non riflette la loro identità di genere.

In Brasile, L'Università Federale di Amapá stata la pioniera nella adozione del nome sociale per i loro studenti trans. Oggi ci sono iniziative in corso nella stessa direzione in altri Stati, in particolare Minas Gerais, Amazon, Piauí, Para, Goiás e Paraná, secondo l' Associazione brasiliana di gay, lesbiche, bisessuali , e Transgender (ABGLT) brasiliane.


Io particolarmente sono una sostenitrice dell'uso del nome sociale, è uno strumento importante per ridurre la mancanza di inserimento delle persone transessuali nella società. La maggior parte delle persone transessuali hanno un basso livello di istruzione, che inevitabilmente porta queste persone nella prostituzione. Quando il pregiudizio non viene percepito nelle scuole, non avremo dubbi che in futuro vedremo tante transessuali, con master e dottorato.

Vanessa Mazza.

Commenti

Post più popolari