Una legge omofoba vieni adottata a San Pietroburgo: gli Stati Uniti è preoccupato

Nella seconda città della Russia, pesanti multe ora sono disponibili per qualsiasi "atto pubblico" con "promozione" dell'omosessualità.

Gli Stati Uniti ieri hanno espresso preoccupazione per una legge appena approvata a San Pietroburgo, in Russia, che vieta la "promozione dell'omosessualità".

Il Parlamento ha infatti approvato in seconda lettura Mercoledì, un testo proposto dal partito di governo, Russia Unita, che prevede multe fino a 500.000 rubli (12.500 euro) per ogni "atto pubblico" che promuova la omosessualità, mettendo sul steso piano come quello della pedofilia.

Cinque attivisti arrestati.

cinque attivisti LGBT sono stati arrestati dopo aver protestato ("senza permesso", secondo un portavoce della polizia a San Pietroburgo) Mercoledì che protestavano contro l'adozione di questa legge da parte dell'Assemblea locale.

Circa 20 persone hanno preso parte alla manifestazione. I militanti avevano brandito striscioni con la scritta "Stop alla repressione!"

"Siamo preoccupati" per questa legge che "limiterà gravemente la libertà di espressione e di riunione di omosessuali, lesbiche e transessuali e la realtà di tutti i russi", ha detto il Dipartimento di Stato americano.

"Esortiamo le autorità russe a proteggere queste libertà e promuovere i diritti di tutti i cittadini", ha detto l'amministrazione statunitense in un comunicato.

"L'Europa condivide la nostra preoccupazione"
"Abbiamo anche consultato  i nostri partner europei su questo tema. Essi condividono la nostra preoccupazione che devono comunicare con le autorità russe ".

"Gli Stati Uniti attribuiscono grande importanza alla lotta contro la discriminazione contro la comunità gay e transgender e a tutte le minoranze", ha detto il Dipartimento di Stato.

Gli Stati Uniti avevano già protestato contro di essa nel mese di dicembre perché considerato draconiano. La Russia a sua volta ha accusato Washington di "interferenza".

La Russia è al primo posto nel mondo con casi di suicidi adolescenziali. Tra questi, un enorme percentuale - sono omosessuali. Fanno questo passo a causa della mancanza di informazioni sulla sua natura.

Gli attivisti di GayRussia.eu, hanno aperto una causa contro una legge simile - la prima legge regionale che vieta la propaganda dell'omosessualità ai minori in Russia nella regione di Ryazan - la Corte europea dei diritti dell'uomo e del Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani e le Nazioni Unite hanno già fissato l'udienza della causa per la sua sessione di luglio 2012 a Ginevra, Svizzera.


Commenti

Post più popolari