Dopo il successo di Lea T, e Andrej Pejic in passerella, è il momento di altre due top trans brasiliane "Carol Marra" e Felipa Tavares.


Dopo il successo di Lea T, e Andrej Pejic in passerella, è il momento di Carol Marra, 24 anni, rubare la scena con la sua bellezza. Modella per caso, la transessuale Carol, è diventata l'attrazione principale del Minas Trend Inverno 2012 (In Brasile) , nel mese di ottobre di quest'anno.

La sua carriera è stata lanciata in meno di un anno - lei è una giornalista e lavorava come esperta di moda - Carol emerge anche come una pioniera nel mondo della moda: è stata la prima modella transessuale a posare, ad esempio, per la rivista L'Officiel , con 14 pagine.

Tutto è iniziato nel giugno di quest'anno, durante il Rio Fashion, quando Carol, ha lavorato dietro le quinte l'evento come produttori di
moda. Con un 1,80 m di altezza, capelli lunghi, caratteristiche sottili e armoniche, ha attirato l'attenzione dei fotografi anche per la sua somiglianza a Lea T.


" Ho contribuito a produrre diverse copertine di riviste con tante attrici, e i fotografi mi chiedevano sempre di fare una foto, ma come sono molto timida, dicevo sempre di no, riluttante, avevo molta vergogna. Fino a quando un amico ha chiesto di fare un test. Poi ho postato alcune foto su Orkut. Un altro fotografo le ha viste e ha chiesto di fare un altro servizio. E quando ho visto, ero già su un catalogo. Ma non si parlava di transgender solo di me modella. Non sapevano che ero una transessuale. Cosi ho iniziato a ricevere inviti a partecipare a sfilate, dalle redazioni di moda.


Il suo primo test arriverà nella rivista " L'Officiel ". Con questa apertura, decise di abbracciare la nuova carriera. "Non avevo mai pensato di essere una modella, ma sono stata molto ben accolta dalla moda. Penso che sia una cosa importante e mi sento onorata, perché vedo sempre più lontano questo stigma che i transessuali non possono avere una professione onesta e devono vivere ai margini ", dice. Carol preferisce non fornire
dettagli sulla sua sessualità, ma dice di sentirsi donna (veste e si comporta come tale) ma non ha ancora fatto il cambiamento di sesso chirurgico.

"Non credo che il successo di Lea e Andrej, sia solo per il fatto che siano trans, ma perché è una bellezza, come tutte le altre, femminile, esotiche. Inoltre, la moda è all'avanguardia, consente a tutti di rilasciarsi in qualcosa che a volte non è per ora, ma è per dopo. Oggi vediamo i modelli androgini, con la faccia molto delicata che indossano gonna rosa, qualcosa che prima non era comune. La moda è molto variata, poi in tutto questo è arrivata la transessuale. E la cosa è interessante per mostrare che il transessuale ha il suo valore.


Mostrare che ci sono altre storie oltre a quella visione marginale che la società ha di una transgender. Purtroppo, sappiamo che molti vivono di prostituzione, ma in molti casi non è una scelta. E 'l'unico modo che hanno per sopravvivere, in quanto sono buttati fuori di casa troppo presto. Quindi è bello che sorgano queste occasioni nella moda: perché non una modella
transgender? Giornalista?Stilista? Medico? Taxi-sta? Il preconcetto appare quando manca una informazione. Quindi, se ogni uno di noi si ferma un stante per conoscere la vita di un altra
persona , il mondo sarebbe molto migliore.
pregiudizio? oggi non più, ma ho sofferto molto il bullismo durante l'infanzia. Nel periodo scolastico non andavo al bagno a causa dei ragazzi è morivo di vergogna. Non mi sono mai identificata con i ragazzi, sapete? Poi facevo sui i miei pantaloni, mi chiamavano di donnina e i miei genitori erano speso chiamati a scuola. Ora posso andare e venire da tutte le parti, perché penso che passo da donna ovunque. Voglio dire, oggi non tanto a causa di questa esposizione, quindi è un po 'più complicato.

So che adesso mi guardano, ma professionalmente ed è stato un bene. Ha dato un vantaggio per la mia carriera. Inviti per importanti lavori stano arrivando, sono apparsa sui giornale di New York, farò anche un viaggio all'estero. Professionalmente, questa esposizione è stata un bene, certo che personalmente mi sono sentita un po 'invasa.

Nel mio facebook, molti ragazzi hanno chiesto, "come mai non ho detto niente?". Un altro che mi aveva chiamato e ha chiesto "che cosa hai da dirmi? Sei una lattuga? "Confondere transgênder con transgênico. Io risposi: "No, sono una fragola, rossa e appariscente" e riattaccai. Io non sono obbligata, giusto? Io sono donna, sono nata donna ed i miei genitali è un semplice dettaglio.

famiglia ? La mia famiglia mi sta seguendo in tutto, ma è ancora difficile. Da bambino, mi chiamavano: "Che bella ragazza", ma i miei genitori rispondevano "E 'mio figlio, non una ragazza." Madre è madre, lei sapeva, ma la preoccupazione più grande era, è che io soffra. Vengo da una
famiglia conservatrice, ... Fino i miei 20 anni, io stessa non capivo quello che io ero. Sapevo che non ero gay, che non ero un uomo, ma sapevo anche che non ero una donna. Che cosa sono io? Se era difficile per me, immagina per loro? Ma oggi vedono che la mia strada e diversa. Anche se molti pensavano che il mio futuro sarebbe stato in un angolo di strada, posso fin d'ora essere in
un angolo di una strada, ma su un cartellone di moda. Ho sulla copertina di una rivista, un giornale.


Vedi l'intervista completa cliccando qui.


La transessuale Felipa Tavares sogna di brillare nelle passerelle

Sergio Mattos, 48 anni, imprenditore e proprietario di un'agenzia di moda a Rio di Janeiro "40 graus, può vantare di aver rivelato al mondo le top model brasiliana più famose. Isabeli Fontana, Raica Oliveira, Daniella Sarahyba e Fernanda Tavares divinità sono alcuni che si distinguono le vanità fugaci che hanno creduto nella frase magica di questo agente: ". Sarete top" Il proprietario della agenzia di moda a Rio 40 gradi non aveva mai, però, pensato in scalare una transessuale nel suo cast. Due settimane fa, quando amministrava un workshop a Rio de Janeiro, richiamò la sua attenzione l'arrivo in ritardo di Felipe Tavares, una ragazza di 1,81 metri, 25 anni, senza fiato, lei si equilibrava su un paio di scarpe rosa. "Ci si può sedere", ha detto, infastidito. "Il tempo e la disciplina sono essenziali in questa professione."

Alla fine della lezione, Serginho, come è noto nella moda, è concluso la chiamata dei nome, ma quello di Felipa non era sulla lista. "Il mio nome è qui si, sono Filippo", ha detto la ragazza. "Eravamo tutti passati, perché lei è davvero una donna. Indipendentemente da qualsiasi cosa, Felipa ha misure perfette, si comporta bene e ha un futuro come modella. E non si può dimenticare quelle scarpe di dimensioni 40 ", dice Sergio.
Mineira di Juiz de Fora, Felipa, la figlia di un meccanico e una impiegata d'ufficio in pensione. Lei dice che dal pre-adolescenza, amava indossare abiti androgini. Quando sua madre morì nel 2004, ha deciso di vivere con la nonna e la zia a Vila da Penha, un sobborgo di Rio de Janeiro. Ha lavorato come cassiera in una discoteca LGBT a Copacabana e cameriera in un ristorante specializzato in carne australiana. "A quel tempo, mi stavo trasformando, era metà e metà Felipe Felipa," dice. Lo scorso anno, lasciò il suo lavoro e si trasferì a Londra con un fidanzato. "Oggi sono single. Ma lui è l'uomo della mia vita. " Per partecipare al laboratorio di Serginho, Felipa prese un autobus, una metropolitana e camminò 2 km dal Botafogo. La sua musa è, ovviamente, Lea T., la modella brasiliana transessuale. "Lea mi ha fatto desiderare di inseguire il mio sogno", dice Felipa, che ha parlato con ÉPOCA in quanto finiva con le unghie. "ragazze come me sognano di diventare Gisele, Lea ha mostrato al mondo che non tutti siamo condannate alla prostituzione. Voglio una vita normale".

Ci sono molte somiglianze con l'idolo: entrambi sono nate nello Stato di Minas Gerais, hanno i genitori che amano giocare a calcio - Lea è la figlia dell'ex giocatore Toninho Cerezo - e intenzione di fare l'intervento di cambiamento di sesso. "Non so quando, perché è molto costoso. Ma io voglio fare il più presto possibile. Per prima cosa smettere di andare di autobus, "dice. "Io non voglio il posto di Lea, io sono ancora molto giovane, non ho la sua esperienza. Abbiamo temperamenti diversi ".

"Sono camaleontica. Entro nel profilo di ragazza, androgina e trans. Credo di essere al momento giusto nel mercato del lavoro, perché Serginho può giocare con me ", dice. "Credo nel potenziale di Felipa", spiega Mattos. "Il mondo della moda sta chiedendo androginia", aggiunge.

Quando si rese conto che era diversa?
Fin da bambino, sapevo di essere nel corpo sbagliato. Ho guardato nello specchio e non mi vedevo. A scuola, ero nel gruppo di ragazze. Quando tutti volevano giocare a calcio, io volevo giocare con Barbie. Mia madre non capiva. Quando usciva di casa, afferravo i suoi vestiti e le scarpe di nascosto. All'età di 11 anni, sapevo che ero diversa. Ho avuto quella sensazione di rabbia, sai? Volevo scioccare! Indossava jeans stretti, abbigliamento bambina camicie, piercing. Penso che quando una persona non sta bene con il suo corpo si ribella contro di essa.
L'adolescenza, è la parte più difficile per una trans.
La trasformazione?
Dopo che mia madre morì nel 2004, venni a vivere a Rio con mia nonna ei miei zii che sono evangelici. Ho studiato fino al terzo periodo del turismo e ha iniziato a lavorare in un ristorante. Lì, tutti giocavano con me e affettuosamente mi chiamavano Lupita.. Da lì, ho deciso che vorrei iniziare a trasformare e adottare le misure necessarie per farlo Quali misure? ho dovuto prendere pillole al giorno, il medico mi ha consigliato, e una volta al mese iniezione dell'ormone. Inoltre, ho avuto l'assistenza di uno psicologo, perché è un processo che non è facile. Il cambiamento nel corpo ti sconvolge molto la testa e ho avuto anche la depressione.


famiglia? Con mio padre è stato divertente perché lui vive a Juiz de Fora e non sapeva che avevo fatto la trasformazione. Quando l'ho visitato, non sapeva cosa dire. Ma poi ha detto una cosa molto bella e non dimenticherò mai: "N0m importa se figlio o figlia, io ti amerò sempre." Mia nonna, che ha più di 80 anni, è stato incredibile mi ha accettato molto bene. E i zii vangelici? Quando mi sono trasferita con loro, è stato complicato perché mi vedevano come gay. Ma mi rispettavano. Io vivo con loro e loro sono religiosi, io ho la vita di una ragazza di 15 anni. Non posso indossare abiti corti e in casa devo chiedere se posso fare qualcosa. Ma non vado in luogo pubblico con loro. E una cosa mia.
Intervento? Niente. Non ho mai avuto abbastanza soldi per fare l'operazione di cambio sesso, che è molto costoso, che costa circa $ 30.000 in Thailandia. Questo è il mio sogno. Non voglio fare niente prima. Non voglio toccare il viso il naso perchè quando si fa, si capisci e denuncia ciò che sei . E 'impossibile aver un naso da bambola. Credo che metterei un po 'di silicone, ma di dimensioni molto naturale. Voglio essere una donna il più naturale possibile.

L'assedio maschile?
E 'molto difficile per chiunque riconoscere che sono una transessuale. Nella discoteche, molti uomini si avvicinano a me. Le miei amiche che sono donne biologiche, rimangono anche un po 'scioccate e tristi perché richiamo l'attenzione. In strada sono corteggiata in modo da rimanere un po male.

Racconti agli uomini che sei una transessuale? Dipende. Quando mi trovo in una discoteca e mi prendo qualche bacio, non sento il bisogno di parlare. E 'uno scherzo. Ma se vedo che può nascere qualcosa di più serio e che possa capire che siamo in grado di innamorarsi, allora io parlo. Se un ragazzo è attratto da me, deve accettare quello che sono - anche prima dell'operazione. Con tutti i miei fidanzati, tutti mi vedevano come una donna. Ne sono sicura. Ci fu una volta in cui mi trovavo con un ragazzo e glie l'ho detto. Mi rispose che l'unica cosa che farebbe sarebbe quella di smettere di uscire con me. Mi sono sentita male, naturalmente. Lui mi abbracciava e mi baciava come una ragazza normale. Ma ho pensato, un tipo come questo sono io che non lo voglio. .
Perché per stare con me deve avere una mente aperta, senza pregiudizio.

Per leggere la sua intervista cliccare qui

Commenti

Post più popolari