João W. Nery, autobiografia del primo transessuale da donna a uomo in Brasile.

La casa editrice "Le Ya Brasile" ha lanciato "Viagem Solitària" ("Viaggio in Solitudine" ). di Joao W. Nery, un libro autobiografico che racconta la storia di Joao , che alla fine degli anni 70, ha osato e fatto un cambio chirurgico di sesso. Nacque cosi la storia del primo trans f.t.m ( da donna a uomo) operato in Brasile.

Joao W. Nery, ha raccontato come è diventato, nel 1977, a soli 27 anni, la prima donna a diventare un uomo in Brasile. Racconta la lotta contro un corpo che è stato "imposto senza chiedere il permesso." Ho avuto lo specchio come un nemico, mi chiamavano Maria-uomo, volevo combattere e non mi prendevano sul serio, è diventato campione brasiliano di immersione, per sviluppare i muscoli, provo la meditazione, vivendo curvata per cercare di nascondere il petto. Parla di paternità, e del suo quarto matrimonio che dura da 14 anni. Adottò Yuri, ormai di 23 anni, figlio di una sua ex-moglie. Joao ha fatto un po 'di tutto: psicologo, sessuologo, ha insegnato presso quattro università, come imbianchino, aveva un piccolo negozio di vestiti, tassista, agricoltore, massaggiatore, insegnante di informatica, venditore Avon.

Nella prefazione di "Errore di persona", Anthony Houaiss ha detto: "Leggete e umanizzatevi . " E la migliore definizione per una storia che ha tutto per diventare film.

Joao era nato donna, ma era intrappolata in questo corpo estraneo, una sensazione che lui ha riconosciuto molto presto.

E 'stato durante la dittatura militare
nel 1977, che ha subito il primo cambiamento chirurgico di sesso. A quel tempo, le cliniche e gli ospedali non erano autorizzate a fare questo tipo di chirurgia, e i medici che si proponevano di eseguire questo intervento erano considerati mutilatori fino al punto che il medico che ha operato Joao fu accusato - e condannato a due anni di carcere - per lesioni personali da un medesimo cambio di sesso, eseguito nel 1971.

In "Viaggio in Solitudine" Joao racconta la sua infanzia repressa, l'adolescenza solitaria, le difficoltà dell'amore, della perdita della sua laurea in psicologia - che stata invalidata dopo il cambiamento di sesso - e le difficoltà giuridiche in merito alla sua nuova denominazione, i quattro matrimoni e il suo più grande orgoglio, la paternità.

"Questo è un libro imperdibile per tutti coloro che vogliono vedere meglio la meraviglia che è l'essere umano: la dimensione e l'importanza della componente sessuale come fonte di identità individuale e sociale, qui sono penetrati con la vitalità di una vita vissuta, le sofferenze e le gioie, e la miseria e la speranza - e non solo di carattere autobiografico - compongono questa realtà, e che ne emerge una vera e propria realtà più forte di quella catturata dalla scienza e un romanzo più struggente delle fantasie romanesche "Anthony Houaiss.

"La mia prima impressione è che Joao non è nato donna e voleva diventare un uomo. Niente affatto. Joao era nato un uomo, ma intrappolato nel corpo di una donna. "Miller Kaiser

"Questo libro parla di integrità, un valore molto costoso per la società di Joao. Che restituisce al lettore di Joao il paradosso del rapporto tra integrità e la mutilazione:. Raggiungere la mutilazione in nome della integrità" Hélio Silva, antropologo



Commenti

Post più popolari