Turchia: una giovane transessuale è stata assassinata da suo fratello in un nuovo crimine " d'onore"


Come riportato dal Hurriyet Daily News , un nuovo reato "d'onore" in Turchia è stato commesso contro una persona LGBT. In questo caso, la vittima è stata Ramazan Çetin,
è stata assassinata una giovane transessuale di 24 anni dal fratello, di 27. " Ho purificato il mio onore.
ha detto l'assassino dopo aver posto fine alla vita di sua sorella.


L'omicidio ha avuto luogo venerdì, nella provincia turca di Gaziantep. La ragazza era stata ricoverata in ospedale a causa di fratture subite giorni prima da una caduta da un luogo elevato. Suo fratello, Fevzi Çetin, è apparso lì e ha sparato tre colpi a distanza ravvicinata, uno alla testa. poi si è consegnato alla polizia. "Mio fratello era caduto. L'ho ucciso " , ha continuato a dire. "Ho purificato il mio onore", ha aggiunto.

Ramazan Çetin, era a conoscenza dell'ostilità della sua famiglia, cosi si era allontanata di casa per due anni. Purtroppo non è stata in grado di evitare di essere alla fine uccisa. Riposa in pace.

Turchia: una realtà difficile per le persone LGBT

La Turchia offre molta più libertà all'interno dei paesi alla comunità LGBT di altri paese musulmani, ma questo gruppo soffre ancora di gravi problemi di discriminazione e violenza. Le relazioni omosessuali non sono reato, ma ci sono leggi contro "pubblico scandalo" e pendono come una spada di Damocle sul gay e lesbiche, mentre l'omosessualità è considerata una malattia da parte dell'esercito.

Ma la realtà sociale è, purtroppo, peggio di quella giuridica. Secondo Amnesty International, diversi mesi fa ha pubblicato un rapporto sulla situazione delle persone LGBT in Turchia, 16 di loro sono stati uccisi nel 2010 per il loro orientamento sessuale o identità di genere. Si sospetta che questa figura è in realtà superiore. Delitti d'onore, per la quale vengono uccise le persone LGBT dalla propria famiglia, come è successo a Ramazan Çetin, restano una realtà. Un esempio familiare ai lettori di dosmanzanas fu l'omicidio del giovane Ahmet Yildiz, nel 2008.

La situazione è peggiore per le donne transessuali, mentre si può entrare nel processo di riassegnazione sessuale e cambiare il loro stato di registrazione, sono spesso rinnegate dalle loro famiglie e costrette a prostituirsi. Ogni giorno vengono arrestati con l'accusa di condotta disordinata e portati alla stazione di polizia dove sono spesso vittime della violenza della polizia, come Amnesty International ha anche denunciato. Diciotto mesi fa, la violenza a un gruppo di attivisti transgender del gruppo Pembe Hayat.

Commenti

Post più popolari