Richiedenti asilo LGBTe l'omofobia europea non unita.

7 settembre 2011

Un studio olandese evidenzia i pregiudizi dei paesi dell'UE, nelle pratiche di richieste di asilo dei candidati gay,lesbiche, transgender (LGBT).

Nel aprile 2011, il parlamento Europeo ha approvato con una maggioranza di centro-sinistra, e per soli 8 voti di differenza (314 favorevoli, 306 contrari e 48 astenuti) la Relazione Guillaume che emenda la proposta di Direttiva della Commissione europea sulle "Norme minime per le procedure applicate negli Stati membri ai fini del riconoscimento e della revoca della protezione internazionale". Tale Direttiva, conosciuta anche con la sigla 2005/85/CE, era già stata approvata nel dicembre del 2005 e prevedeva l’obbligo da parte dei paesi membri dell’unione di accogliere i richiedenti asilo politico, previo esame di ogni singolo caso, in virtù della Convenzione di Ginevra.

La parlamentare socialista Sylvie Guillaume, con la relazione “Riconoscimento e revoca della protezione internazionale”, ha presentato la proposta di emendamento della Direttiva che, oltre a rafforzare le garanzie dei richiedenti asilo politico, prevede maggiori garanzie e protezioni per le persone LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender), includendole nella categoria “richiedenti asilo con bisogni speciali” e quindi bisognosi di particolare sostegno, attenzione e protezione. Spesso in fuga dai loro paesi per sevizie, violenze e persecuzioni, oltre che per conflitti armati, come sta succedendo in alcuni paesi africani, le persone LGBT devono aver diritto, secondo la proposta di emendamento, a maggior sostegno, attenzione e protezione. In ogni paese membro dell’Unione, quindi, le procedure di accoglienza e assistenza dei rifugiati politici dovranno tener conto, in modo appropriato, della nuova situazione richiesta per le persone LGBT. La formazione del personale, l’assistenza di esperti specializzati, la garanzia della riservatezza delle informazioni rispetto alla famiglia, per il rispetto della dignità umana e dell’integrità in occasione degli esami fisici e i tempi di preparazione per le interviste, devono tenere conto in modo appropriato della situazione delle persone LGBT.

Ogni anno, sarebbero 8000-10 000 * uomini e donne LGBT, che fuggono dal loro paese per cercare la protezione degli Stati europei, dal 2 al 3% del numero totale dei candidati nella UE. La stima viene da uno studio della Free University di Amsterdam e la principale associazione omosessuale i COC dei Paesi Bassi. "In fuga per omofobia" sono state individuate differenze di trattamento nella ricettività dei paesi dell'UE per questi rifugiati.

Alcuni, ad esempio, credono che i rifugiati LGBT perseguitati dalla loro comunità devono chiedere assistenza alle autorità del loro paese - senza considerare l'omofobia diffusa tra le autorità e la polizia. E in cinque paesi, la criminalizzazione dell'omosessualità viene semplicemente ignorata. In Irlanda, una lesbica Pakistana è stata respinta sulla base di una relazione in cui affermava che "gli omosessuali sono raramente perseguiti," nonostante una legge contro l'omosessualità in questo paese.

Essere discreti

Una giustificazione particolarmente comune che i richiedenti asilo sentono è che possono vivere la loro omosessualità nelle loro case "a condizione che rimanga discreta." Recentemente in Svizzera, il Tribunale amministrativo federale ha respinto la domanda di un iraniano. Questo tipo di scusa, vieni ripetuta oggi da diversi paesi come l'Australia e il Regno Unito, è fortemente condannato nello studio, in cui si afferma che "se una persona ha un ragionevole timore di essere perseguitata per l'esercizio di un legittimo diritto umano, ha diritto alla protezione internazionale. "Inoltre, nulla è meno certo che vivere " nascosti ". Gli individui che nascondano la loro omosessualità possono in qualsiasi momento essere individuati e sterminati.

Stereotipi

Ma uno degli ostacoli principali affrontati dai rifugiati LGBT sembra essere la incredulità da parte delle autorità. Soprattutto quando "non corrispondono agli stereotipi conosciuti dai funzionari", scrivono gli autori di "Omofobia in fuga". Essi possono essere lesbiche che non sono maschili e gay non effeminato, o ai candidati che sono sposati o hanno figli. Le domande più innocue possono diventare una trappola. A Cipro, un richiedente che era gay ha detto di non aver voluto sfuggire al servizio militare obbligatorio ha attirato i sospetti della immigrazione. Un altro esempio : un giudice irlandese ha negato asilo a un richiedente omosessuale perché lui non ha saputo dare un nome al bar principale gay a Dublino!

Tutti i mezzi sembrano essere buoni per catturare "falsi" richiedenti asilo LGBT. Incluse interviste e test indiscreti, eredità degradante di antichi disegni di omosessualità mediche, psichiatriche o psicologiche. Questo è stato il caso nella Repubblica Ceca e Slovacchia, che portavano i test "phallometric" misurare l'erezione dei richiedenti asilo di fronte a film porno. Prassi recentemente abbandonato su richiesta della Commissione europea.

La situazione rivela la paura delle autorità per le quali la concessione dell'asilo ai gay, potrebbe creare un fattore di attrazione. Per il presidente del COC, questa paura è ingiustificata. "L'omosessualità nel loro paese di origine è un tale tabù che [i ricorrenti] non possono dichiarare, fatto che avrebbe messo la loro vita a rischio. E se tornassero, la loro situazione e quella delle loro famiglie sarebbe diventata insostenibile.Inserisci link
Solo il Belgio con (522 casi nel 2010) e Norvegia (26) hanno stabilito un conteggio di asilo motivato ​​da orientamento sessuale e identità di genere. Altri paesi forniscono stime: 300 all'anno in Svezia, 200 in Olanda. In Italia, 54 casi sono stati trattati tra il 2005 e all'inizio del 2008, di cui 29 dello status di rifugiato o protezione umanitaria.

Vanessa Mazza

Fonte:http://www.rechten.vu.nl/nl/Images/Fleeing%20Homophobia%20report%20EN_tcm22-232205.pdf

http://360.ch/blog/magazine/2011/09/demandeurs-dasile-lgbti-cacophonie-europeenne/

Commenti

Post più popolari